Back to grid

Lizzy Hawker parla della sua creazione: l’ultramaratona per eccellenza

L’Ultra Tour Monte Rosa è frutto dell’esperienza impareggiabile di Lizzy Hawker, che ha vinto per ben cinque volte il celebre Ultra Trail du Mont Blanc. È una gara spericolata sui sentieri di montagna preferiti dell’ex-campionessa.

Il 4 settembre 2019, centinaia di ultrarunner di tutto il mondo hanno affrontato fino a 170 km e 11.300 metri di dislivello in occasione della quinta edizione dell’Ultra Tour Monte Rosa (UTMR) che ha visto On come sponsor.

 

Cosa c’è stato in serbo per gli atleti che sono stati abbastanza coraggiosi da mettere piede sulla linea di partenza? Per scoprirlo, abbiamo parlato con Lizzy Hawker, artefice e direttrice della gara.

 

Lizzy, qual era il tuo scopo quando hai creato l’Ultra Trail Monte Rosa (UTMR)?

LH: Il mio obiettivo era molto semplice: condividere un po’ di quella gioia che mi ha dato correre in montagna.

 

Per allenarmi per l’Ultra Trail du Mont Blanc, spesso correvo sui sentieri meravigliosi del Monte Rosa al confine tra Italia e Svizzera.

 

Non essendo zone frequentate da altri runner, ho imparato a conoscere e ad amare i sentieri del Tour del Monte Rosa, 150 km che circondano lo splendido massiccio del Monte Rosa e che si snodano ai piedi di diverse cime maestose come quelle dell’iconico Cervino. Mi sono resa conto che erano questi i sentieri che volevo condividere con altri runner. Era questa la gara che volevo correre. Ed è così che è nata l’UTMR.


Cosa distingue l’Ultra Trail Monte Rosa da altre ultramaratone?

 È audace, bellissima e inesorabile, l’esperienza di una grande gara ma in un contesto intimo.

 

Probabilmente è unica perché è sia una gara a tappe sia una gara ultra e in questo modo l’impegnativo itinerario di 170 km viene reso accessibile a una comunità di runner molto più ampia..

 

Nel 2019 si è disputata la quinta edizione della gara. Cosa ricordi con piacere di questa esperienza?

Un evento come questo è il frutto di un’opera di collaborazione. È stato gratificante cercare e ricevere il sostegno di così tante persone.

 

Cosa ci racconti del percorso in sé? Ci sono dei tratti, o degli aspetti in generale, che sono particolarmente degni di nota?

Ce ne sono un bel po’! C’è il ponte sospeso più lungo al mondo. Si attraversa il Cervino, che si vede dal lato settentrionale, orientale e meridionale. Si attraversa un ghiacciaio salendo fino a 3.300 metri. Poi ecco l’Italia, che offre un panorama diverso rispetto alla Svizzera, con un altro tipo di l’architettura. Sul passo del Turlo c’è una strada romana, mentre l’altro lato della montagna appare particolarmente remoto e selvaggio.

 

Sul passo del Monte Moro domina la Madonna dorata, come a ricordarci che siamo esseri mortali e ammonirci a fare attenzione durante la discesa rocciosa.

 

Secondo alcuni, infine, gli ultimi chilometri da Saas Fee sull’Europaweg sono puro running alpino.

 

L’Ultra Tour Monte Rosa prevede un’Ultra da 170 km, una gara a tappe da 170 km e un’Ultra da 100 km. Perché avete voluto proporre tutte e tre le varianti?

L’obiettivo è sempre stato quello di creare un tour completo del massiccio del Monte Rosa. È qui che mi allenavo per l’Ultra Trail du Mont Blanc e ho sempre pensato che sarebbe stata una bella sfida che avrei voluto affrontare. Ma non è un segreto che è molto impegnativa e che non è proprio per tutti.

 

La gara a tappe permette alle persone di godersi tutto il percorso con la luce del giorno, correndo una maratona di montagna al dì per quattro giorni! In più, bisogna considerare l’aspetto sociale: alla sera si esce con tutti i runner, mangiando ottimo cibo e ritrovando un po’ di tranquillità. I 100 km sono una via di mezzo e comunque un super itinerario, con tre passi straordinari e un confine internazionale da superare.

 

Cosa diresti a chi sta pensando di partecipare all’UTMR?

Mi piacerebbe che partecipassi! È adatto sia ai veterani del trail running che agli ultrarunner esperti, insomma ce n’è per tutti i gusti. Visita il sito per capire in che cosa consiste la sfida e poi contattaci! Le iscrizioni per l’edizione 2020 apriranno probabilmente a novembre, per cui vi consiglio di iscrivervi alla nostra mailing list per restare informati.

 

On è stato sponsor ufficiale dell’edizione 2019 dell’Ultra Tour Monte Rosa (UTMR) che si è svolta dal 4 al 7 settembre. Si dice che sia una delle ultramaratone più belle al mondo. Il percorso si snoda tra le Alpi svizzere e quelle italiane attorno a uno dei più grandi massicci d’Europa. La gara prevede tre alternative: la gara a tappe di quattro giorni, l’Ultra 3 Passi da 100 km o l’Ultra Tour completo da 170 km. Insomma, l’UTMR ha qualcosa da offrire a qualsiasi trail runner esperto/a.

La Cloudventure Peak
La scarpa da trail ultraleggera di nuova generazione, dotata di Missiongrip™ per garantire massima tenuta sugli aspri pendii di montagna e CloudTec® per un’ammortizzazione intelligente in discesa sulle lunghe distanze.
Ora disponibili in Nero | Roccia