Back to grid

Where I Run: Josh Amberger On Brisbane

Correre nell’ambiente giusto può fare la differenza. Nel corso delle prossime settimane vi sveleremo altre località in tutto il mondo in cui il nostro team trova ispirazione. L’australiano Josh Amberger, atleta carismatico con più di 10 titoli Ironman all’attivo, ci porterà alla scoperta della sua città natale, Brisbane.

 

Triatleta professionista, Josh Amberger corre e gareggia in tutto il mondo, ma poi ritorna sempre a Brisbane, dove è nato.

 

Si tratta della terza città più popolosa dell’Australia, dopo Sidney e Melbourne, ed è considerata la zona in più rapida crescita del Paese e del mondo intero. Ha una media tra i 250 e i 280 giorni di sole all’anno e un’ottima reputazione per quanto riguarda l’accoglienza e la convivenza tra culture diverse—secondo le statistiche oltre il 30% degli abitanti sono stranieri. Insomma, non c’è da stupirsi che stia crescendo così tanto. 

 

Tante aree verdi, una mentalità cosmopolita, tanti ristoranti e locali all’aperto, praticamente dappertutto. La qualità della vita è alta. Sia il clima che le persone trasmettono gioia e solarità. Cosa chiedere di più? 

 

Josh ci fa conoscere alcuni dei suoi luoghi preferiti per andare a correre e ci racconta qualcosa in più sulla cultura della corsa in questa città. Scorri verso il basso per continuare a leggere. 

 

Ciao Josh, prima di tutto, perché corri?

 

Potrei risponderti in tanti modi diversi. Innanzitutto, direi che corro perché fa parte del mio lavoro. Per poter diventare il miglior atleta possibile, devo considerare la corsa come pura performance, come una cosa che devo padroneggiare.  

 

Qual è il tuo posto preferito per correre? 

 

Mi piace correre sui sentieri sterrati e collinari fuori Brisbane. In particolare, nei parchi di Samford Conservation e Bunyaville Conservation. A Brisbane ci sono anche altri luoghi meravigliosi, come le piste ciclabili lungo il fiume Brisbane e i circuiti intorno all’università di St Lucia.

           

 

Cosa rende Brisbane così adatta alla corsa? 

 

Qui c’è di tutto. Brisbane è una grande città, ma a mio parere molto ben organizzata a livello di spazi aperti e ricreativi. Abbiamo una vasta rete di percorsi, soprattutto collinari e montuosi.  

 

Il trail running è una disciplina sempre più diffusa da queste parti ed è bello che stia prendendo piede.  Ma secondo me Brisbane è davvero straordinaria perché abbiamo una rete incredibile di percorsi misti, proprio intorno alla città su cui si può correre durante tutto l’anno.  

 

Praticamente ovunque ci sono panorami incredibili. Si può correre per conto proprio oppure unirsi a un gruppo. Ci sono anche un sacco di gare diverse, su trail, su strada o in pista. C’è sempre qualche evento in programma!

   

 

Ci sono alcuni posti/percorsi per correre a Brisbane che consiglieresti?

 

Bicentennial Bikeway è un grande classico per correre a Brisbane. Sul monte Coot-tha invece si può vivere l’esperienza del trail in città. Un po’ più lontano dal centro, c’è South Boundary Road, ideale per chi cerca lunghi sentieri sterrati, oppure Gap Creek che ha meravigliosi itinerari singoli.     

Allenati con la scarpa preferita di Josh:
The performance shoe for maximum cushioning, the Cloudstratus has two layers of Helion™-enriched CloudTec® for enhanced vertical and horizontal cushioning.
La Cloudstratus

Se vai a fare una corsa più rilassata, scegli un itinerario più panoramico? 

 

Non proprio. Cerco di limitare gli spostamenti in modo da avere più tempo per riposarmi durante il giorno. Quindi preferisco sempre rimanere vicino a casa.  Mi piace fare anche delle corse più tranquille sull’erba, quindi vado nei parchi un po’ più grandi della mia zona, in particolare il Teralba Park, dove ci sono campi da calcio e un grande spazio aperto con degli alberi enormi.

 

Ti capita(va) mai di pianificare una destinazione specifica?  Ristoranti // bar (prima del Covid).  

 

Generalmente quando non ci sono gare me la prendo con comodo. Di sicuro non mi faccio mancare un bell’hamburger dopo una lunga corsa della domenica!

 

Cosa rende perfetta una corsa? La durata, la distanza oppure semplicemente una sensazione?

 

Direi che è più una questione di come mi sento. Se sono in forma e non troppo stanco, di solito la corsa mi soddisfa a prescindere. Forse la corsa perfetta è quella in cui condivido delle belle sensazioni, a un buon ritmo, con un bel gruppo di amici su un percorso facile. Per quanto riguarda la durata, potrebbe essere tra i 90 minuti e le due ore.

           

 

Sballo del runner? Sì o no? 

 

Ma certo! Ma penso anche che quando spingi il tuo corpo al limite, non è un problema se non ti diverti ogni volta che vai a correre. Sai che comunque ti piacerà ancora correre quando ti sveglierai il giorno dopo con la voglia di ricominciare.

 

A volte, quanto ci si allena per gare estreme come l’Ironman, lo sballo del runner è forse il sollievo che si percepisce alla fine di una sessione, piuttosto che l’euforia della corsa in sé. 

 

Come descriveresti la cultura della corsa a Brisbane?  

 

È strano rispondere a questa domanda perché, essendo un professionista, non devo necessariamente andare a correre alle 5 di mattina, quindi non saprei! Di solito inizio ad allenarmi verso le 7-8 del mattino, visto che dopo non devo andare al lavoro o fare altro.  

 

Correre a Brisbane è un’attività sociale incredibile e credo esistano gruppi di allenamento praticamente per ogni tipo di corsa. Ultimamente ho visto in giro tantissimi gruppi femminili di trail running e penso sia davvero fantastico!

  

Trova ispirazione per migliorare la tua corsa. Iscriviti alla Newsletter di On.


Iscrivendoti alla nostra newsletter, accetti la nostra privacy policy.